audio play stop volume: 
News dalla radio
Alma Basket TriesteTREVISO – Arriva la sesta sconfitta esterna consecutiva per Trieste, che se poteva essere messa in preventivo date le pesanti assenze con cui gli uomini di Dalmasson si sono presentati nella Marca e lo stato di forma stratosferica della formazione trevigiana, non poteva essere prevista così netta nelle dimensioni e nelle modalità.
La cronaca è impietosa per Trieste: dopo un avvio promettente, con gli ospiti avanti di 10 punti sul 4-14, è andato in scena un monologo assoluto dei biancoblù, che hanno dominato ogni singola situazione tattica, dalla difesa ad un attacco in cui sono riusciti a non forzare quasi mai le conclusioni, andando a segno con una continuità ed una facilità apparentemente irrisorie. Brown e Swan hanno inscenato un loro show personale, ben coadiuvati dai lunghi.
Il solo Laurence Bowers, in dubbio fino alla vigilia e con una caviglia ancora visibilmente acciaccata, oppone una qualche resistenza risultando anche efficace in attacco.
Il terzo quarto, tradizionalmente prolifico per i colori giuliani, stavolta si rivela un vero incubo, con una lunga serie di tiri sbagliati e palle perse che chiudono la sfida (peraltro virtualmente mai iniziata) con larghissimo anticipo.
Inizia domani una settimana cruciale in casa triestina, che dovrà ritrovare morale, convinzione e concentrazione, ma soprattutto reintegrare gli infortunati in vista di un rush finale con impegni sulla carta non irresistibili ma in cui non sono più ammessi errori: Bologna, con ogni probabilità nuova capolista, e soprattutto Treviso non sbagliano più, l’Alma ora da lepre deve reinventarsi abile cacciatrice.
La società ha ribadito in settimana la volontà di arrivare alla fine con gli stessi uomini, ma ora si pone, evidente, l’interrogativo sulla effettiva tenuta di una formazione che ai più appare carente sotto canestro.
Francesco Freni per Sport In The City
In onda ogni lunedì alle 18:00 su Radio City Trieste

TriestinaTRIESTE – Due vittorie consecutive per la Triestina: non era ancora successo in questa stagione ma finalmente gli alabardati dano un prezioso segno di continuità.
Dopo le dimissioni di Sannino, tocca a Nicola Princivalli che festeggia la sua prima panchina che conta con un bel successo che avrebbe meritato anche un risultato più rotondo.
Non è mancato anche il brivido di andar sotto: succede quasi subito, quando El Hasni, ritarda un rinvio, si avventura in un dribbling inutile, perde palla sull’attacco di Montella che va a completare l’opera con un preciso diagonale su Boccanera in uscita.
Gli alabardati soffrono e rischiano su un colpo di testa di Giorgione, solo soletto in area, che per fortuna esce. Bariti va in rete dopo un’azione di Mensah e conclusione di Bracaletti, ma l’arbitro ferma per fuori gioco.
Insistono gli alabardati e, a poco dal riposo, vengono premiati. Pizzul mette in mezzo e, dopo averlo tanto atteso, arriva il colpo di testa di Arma finalmente a segno.
Triestina avanti nella ripresa a caccia del raddoppio: Mensah è infermabile quando punta il fondo, ma Arma è appena in ritardo, con la porta completamente spalancata.
Il raddoppio al quarto d’ora: susseguirsi di calci dalla bandierina, finchè Libutti trova lo spiraglio giusto.
Insiste la formazione di Princivalli: un gran diagonale dal basso in alto di Porcari, una conclusione di Bracaletti a fil di palo ed ancora Mensah che offre, dopo il solito scatto bruciante, la palla per la conclusione del capitano che coglie il palo.
Il finale riserva ancora un brivido a Boccanera su un colpo di testa di Kouko che finice di pochissimo a lato ma gli alabardati finiscono tra gli applausi e Princivalli tra gli abbracci di tuto lo staff.

Guerrino Bernardis per Radio City Trieste

Commenti e reazioni nel corso di SPORT IN THE CITY in onda dalle ore 18 di lunedì su www.radiocitytrieste.it

Alma Basket TriesteTRIESTE – Nella partita psicologicamente più difficile, dopo la sconfitta a Bologna, con la Fortitudo ora appaiata in vetta e con le assenze pesanti di Green e Da Ros, Trieste dà la più convincente delle risposte: con una prestazione gagliarda, un atteggiamento aggressivo e lucido nei 28 metri e grazie a protagonisti forse inaspettati l’Alma travolge Ravenna conducendo la sfida dal primo all’ultimo minuto.
Primo quarto in cui i padroni di casa partono contratti e con Ravenna che si affida soprattutto a Rice, che Coronica (partito in quintetto) fa fatica a contenere.
E’ da subito, però, la giornata di Bowers e soprattutto di un Giga Janelidze a fare da secondo americano: entrambi puntuali sui raddoppi in difesa a presidio dell’area pitturata e precisi in attacco, producono il primo break, favorito anche da una tripla del capitano.La frazione si chiude sul +7 per Trieste.
Il secondo quarto è regno incontrastato di Janelidze, che colpisce a ripetizione da oltre l’arco (saranno 14 punti per lui a metà partita).
Trieste non soffre le continue rotazioni e scava un divario consistente (+15).
Nonostante un mini contro break degli ospiti, arrivato più sulle ali della reazione nervosa che sul piano tecnico, la capolista continua il suo inesorabile show da lontano.
Il primo tempo si chiude sul + 13 per Trieste (49-36).
Terzo quarto un po’ in sofferenza, complice il terzo fallo di Bowers, che viene prudentemente tolto da coach Dalmasson per preservarlo in vista del finale di partita.
Anche Fernandez, apparso sofferente ma stoicamente in campo, commette il suo terzo fallo e viene richiamato in panchina.
Ravenna, grazie quasi esclusivamente ai suoi americani, rientra in partita arrivando prima a -8, poi a -7, che sarà il distacco di fine terzo quarto.
Ultima frazione che si apre con il pesante terzo fallo di Rice e con la tripla del rientrato Fernandez, che taglia le gambe alle velleità di recupero ravvennate, spentosi definitivamente sul +8 per Trieste.
Salgono in cattedra Lollo Baldasso e Daniele Cavaliero che scavano un divario impossibile da colmare. Ultimi minuti in cui c’è tempo per la meritatissima standing ovation per Giga Janelidze (career high per lui, con 21 punti e percentuali stratosferiche sia da 2 che da 3 punti) e per due entrate di Matteo Schina.
Finisce con un +18 che rispecchia quanto visto in campo e restituisce al pubblico triestino la squadra brillante, divertente ed a tratti devastante ammirata nella prima metà del campionato.
Vincono anche Bologna e Treviso: c’è da scommetterci, assieme a Trieste saranno le protagoniste assolute fino alla fine della stagione.

Francesco Freni per Sport In The City
in onda ogni lunedì alle 18:00 su Radio City Trieste

Triestina logoRENATE (MB) – Diciamo che era proprio ora: finalmente la Triestina raccoglie e torna al successo pieno, in una trasferta che certamente non si presentava facile, visto che i lombardi, sul loro terreno, avevano perso una sola volta e incassato solamente quattro reti.
Accade invece che la Triestina trovi il coraggio e la determinazione per fare la partita e si costruisca il risultato grazie ad un primo tempo molto positivo, giocato a buon ritmo, con la voglia di attaccare e con buona sicurezza in difesa dove Lambrughi e Coletti infondono tranquillità a tutti.
Ci provano presto Arma da lontano, poi Porcari dal limite, ancora Arma di testa e Coletti dalla lunga distanza e finalmente arriva il vantaggio.
Arma controlla in area e si fa da parte sull’inserimento di Bracaletti che con un gran destro infila la palla nell’angolino lontano.
Insistono gli alabardati e vanno al raddoppio su azione di calcio d’angolo che Bracaletti deposito sulla testa di Libutti che salta più in alto di tutti.
Il Renate reagisce con Palma, fuori, e Gomez che si divora un gol.
Nella ripresa i padroni di casa accorciano: punizione di Palma, Fietta tocca, De Micheli ha il tempo giusto dell’inserimento.
Renate accentua il ritmo ma la Triestina è ordinatissima, non soffre tantissimo e, nel recupero, trova il guizzo di Mensah che brucia il difensore e mette a segno il gol della sicurezza.
Bel passo avanti in classifica e sabato al Rocco arriva l’Albinoleffe.

Guerrino Bernardis per Radio City Trieste

Commenti e reazioni nel corso di SPORT IN THE CITY in onda dalle ore 18 di lunedì su www.radiocitytrieste.it

Mach3ritUna “gustosa” anteprima questa sera, dalle ore 20 alle 21, del NUOVISSIMO programma che a breve partirà su Radio City Trieste.
Una chicca a completare, se mai ce ne fosse stato bisogno, il ricchissimo palinsesto dell’emittente che, con la sua programmazione “24 ore su 24”, con oltre 40 conduttori e più di 70 ore settimanali di dirette radiofoniche, accompagna le giornate e le nottate di un’ampio numero di affezionati ascoltatori.
Alla scoperta , allora, di questo nuovo programma radiofonico che, sicuramente, convoglierà ancora altri appassionati di buona musica, all’ascolto di una delle principali radio locali.

Link per seguire le trasmissioni di Radio City Trieste:
Web: www.radiocitytrieste.it
Facebook app: http://www.hostingshoutcast.com/facebook-app/radiocitytrieste/
Media panel: http://www.radiocitytrieste.it/WP/livestream/
TuneIn Radio: http://tunein.com/radio/Radio-City-Trieste-s157545/
Smartphones & Tablets Android – Iphones & Ipads: TuneIn Radio (Free App)
Chat IN DIRETTA/LIVE Facebook group: http://bit.ly/2cGSN2A
Facebook page: https://www.facebook.com/RadiocityTS/
Twitter: @RadioCityTS

Twitter