audio play stop volume: 
News dalla radio

TRIESTE – A partire dalle ore 18, in diretta streaming dal Centro Marenzi – A.C.A.A.R. di via dell’Istria 102, la grande FESTA DI FERRAGOSTO assieme ai conduttori/dj e alla musica, oggi “esclusivamente” fine anni ’70, di RADIO CITY TRIESTE !!!
Si alterneranno alla console, con i seguenti orari: 1800 – 1850 Eva Trinca 1850 – 1945 Alessandro Desco + Silvano Operetta 1945 – 2040 Michele Marolla  2040 – 2135 Marino Attini 2135 – 2230 Andrea Rock Sivini + Massimo Barzelatto 2230 – 2330 Massimo Detroit
Una grande serata
di divertimento con musica, griglia di carne e birra alla spina (e bibite varie) e la mostra permanente dei quadri della pittrice Marinella Nurchis.

Vi aspettiamo numerosi!!!!

 

© Simone Di Luca

MAJANO – Quest’anno le condizioni meteo hanno veramente ostacolato gli spettacoli e i concerti all’aperto. Tanti gli eventi annullati, molti quelli iniziati dopo ore di interminabili attese che smettesse di piovere oppure spettacoli in cui ci si godeva solo in parte la serata in quanto gli occhi erano sempre rivolti al cielo.
E poi ci sono stati i concerti posticipati all’ultimo momento come lo è stato quello di Calcutta a Majano, riprogrammato per la settimana successiva.
Considerando il cambio di programma, l’artista laziale è stato il terzo dei quattro nomi saggiamente scelti dall’organizazione professionale di Azalea per questo mini festival andato in scena presso la 59° edizione della rassegna enogastronomica e culturale della cittadina friulana (gli artisti inseriti in cartellone sono stati The Darkness, Jethro Tull e i Pink Sonic che chiuderanno la rassegna il 10 agosto). (altro…)

MAJANO – Terzo appuntamento musicale con il Festival di Majano. Dopo il successo del concerto evento dei The Darkness e degli storici Jethro Tull, ecco che per la 59° edizione della rassegna enogastronomica e culturale arriva uno de nomi di maggior richiamo della scena musicale italiana.
Il talento di Calcutta, vero fenomeno degli ultimi anni, finalmente approda in Regione per soddisfare i suoi fans, recuperando così la data posticipata di dieci giorni causa avverse condizioni meteo.
Reduce da un tour sold out in tutte le date fatte nei palazzetti del nostro paese, il cantautore laziale, classe 1989, che risponde al nome di Edoardo D’Erme, sarà preceduto dall’opening act di Bartolini, giovane nome della musica italica.
L’organizzazione di Azalea ha ben pensato, quindi, di regalare una serata all’insegna della scena indipendente italiana di qualità, coinvolgendo due interessanti figure e rivolgendosi soprattutto ad un pubblico giovane, anche se i nomi portati in Friuli per quest’occasione stanno riscuotendo un certo interesse da parte di tutti.
Giudicato un autentico outsider nel suo genere, Calcutta vanta tre uscite nella sua discografia e alcune collaborazioni con illustri colleghi già da tempo sulla cresta dell’onda, confermando quindi la qualità del suo prodotto.
Oroscopo, Paracetamolo, Kiwi e Frosinone sono alcuni dei brani che in questi anni tutti abbiamo sentito trasmettere dalle radio e che ci sono rimasti in testa.Assolutamente da vedere.
Il festival di Majano proseguirà ancora per una data in programma il 10 agosto con i Pink Sonic.

 Cristiano Pellizzaro per Radio City Trieste

 

 

UDINE – Al termine di ogni suo concerto ho sempre provato come una piacevole sensazione di essere avvolto in un comodo plaid, uno di quelli composti da tanti quadri colorati, quelli che oramai non si vedono più da anni.
In questo caso la differenza è che con la coperta non mi riscaldo,  ma mi ritrovo invece ad essere cullato da sensazioni ed emozioni che mi portano a fantasticare ed immaginare quanto la musica mi suggerisce.
Per giustificare questi stati d’animo basta ascoltare la voce di Loreena McKennitt e le melodie da lei intonate.
Dal debutto avvenuto con Elemental nel 1985, il percorso partito concettualmente dalla verde Irlanda (lei è di origini irlandesi e scozzesi), ha permesso al suo pubblico di fantasticare e viaggiare sino in terre esotiche molto lontane.
Ogni disco si è presentato pregno di sapori musicali, sfumature, atmosfere di ogni tipo e suoni amalgamati in modo da trasmettere palesi suggerimenti descrittivi per l’ascoltatore. (altro…)

UDINE – Dopo un mese di imperdibili appuntamenti sparsi in tutta la Regione e non solo, l’edizione 2019 di Folkest si appresta a chiudere il sipario e dare appuntamento all’anno prossimo.
I saluti finali avverranno lunedì 22 luglio presso il castello di Udine, splendida location in cui andrà in scena ancora una volta un grande spettacolo.
La kermesse ospiterà nuovamente Loreena McKennitt, l’artista canadese musa della musica celtica ricca di contaminazioni e sconfinamenti che non necessita di presentazioni e che ritorna nel capoluogo friulano dopo undici anni di assenza.
La polistrumentista e compositrice nativa di Morden, attualmente in tour mondiale per presentare la sua ultima fatica discografica dal titolo Lost Souls pubblicato poco più di un anno fa, riporta la sua carovana nel Nord-est della penisola italica.
Nota per i suoi spettacoli intensi e ricchi di sfumature, questa volta l’artista ci ripropone uno spettacolo completo con tutta l’orchestra di fidi musici al suo seguito.
Un ensemble che tanto bene ci ha abituati a sognare, grazie alle incantevoli melodie proposte dalla McKennitt già dal lontano 1989, quando si faceva conoscere con il suo debutto dal titolo Elemental.
Sino ad oggi il suo percorso musicale l’ha vista pubblicare dieci dischi in studio, ben cinque live ed un’interminabile lista di tournée mondiali per accontentare il suo, sempre più numeroso, pubblico.
Non c’è dubbio, la McKennitt con la sua musica presso il suggestivo castello del colle udinese, e nel più che mai ideale contesto di Folkest, sarà una serata indimenticabile.

Cristiano Pellizzaro per Radio City Trieste

Twitter