Archivi per categoria: EVENTI

UDINE – Il leggendario John Mayall in concerto a Udine. Non ci credete? Peggio per voi. Fareste bene a non perdervi l’appuntamento di venerdì 22 marzo con The Godfather of the Britsh Blues, un’autentica leggenda vivente.
Ancora una volta in tour con una nuova band per presentare questa volta Nobody told me, ultimo capito della sua lunghissima carriera iniziata nel 1965 e proseguita con la pubblicazione di un’interminabile discografia di album in studio e collaborazioni varie.
Infatti il polistrumentista britannico di Macclesfield, fondatore e leader dei Bluesbreakers ai quali ha legato gran parte della sua storia, è stato anche uno scopritore di ottimi musicisti come Eric Clapton e Peter Green.
Ottantacinque primavere tutte spese all’insegna della musica che verranno celebrate sul palco del Teatro Nuovo Giovanni da Udine con inizio alle ore 21.00, momento in cui partirà questo suo ennesimo tour italiano che proseguirà poi per altre sette date nel nostro paese.
Per l’occasione l’apertura della serata sarà affidata al chitarrista sardo Francesco Piu, affermato artista del panorama nazionale che in regione ha già dato modo, in altre occasioni, di dimostrare il suo talento.
Inutile aggiungere altro no? Sarà una grandissima serata all’insegna dell’inossidabile Blues. Un grande evento organizzato da Zenit Srl.

Cristiano Pellizzaro per RadioCityTrieste

TRIESTE – Arriva lunedì 18 marzo al Politeama Rossetti di Trieste ERMAL META per l’unico concerto nella nostra regione.
Accompagnato sul palco dai GNUQUARTET, presenterà tutti i suoi successi in nuove eleganti versioni con viola, violino, violoncello e flauto.
Con l’organizzazione di ZENIT Srl, in collaborazione con la Regione Friuli Venezia Giulia e il Politeama Rossetti, un’altra tappa del tour “Ermal Meta a teatro” sicuramente da non perdere!

TRIESTE – Per il concerto di ERMAL META di lunedì 18 marzo al Politeama Rossetti, Radio City Trieste organizza un Contest e un Mini-Special, durante i quali verranno regalati 6 ingressi gratuiti allo spettacolo.
Dapprima Eva, dalle 13 alle 14.30, nel corso di “Put your feet up” interagirà con gli ascoltatori anche per distribuire due biglietti gratuiti, e quindi Michele Marolla ne regalerà altri quattro durante un mini-special in onda dalle 18 alle 19.
Sui social media di Radio City Trieste (Facebook, Twitter e Instagram) i dettagli per partecipare ai contest.

Non c’è due senza tre: visto che ormai ci abbiamo preso gusto, anche quest’anno saremo in diretta dagli studi di Radio City Trieste per commentare la cerimonia più attesa dell’anno!
Il programma è sempre quello: numerosi ospiti, musica dal vivo e gustosissime sorprese che sveleremo nel corso della lunga maratona!
Vi raccomandiamo dunque di abbassare il volume del televisore e di seguirci su Radio City Trieste (www.radiocitytrieste.it) o, in contemporanea, sulle frequenze FM di Radioattività Trieste FM: si parte alle ore 23.00 con il live commentary del red carpet!
La notte delle stelle, passala con noi! 😉

TRIESTE – Il Teatro Stabile Sloveno ha scelto quest’anno di sorprendere ad ogni debutto con una serie di proposte inedite: dopo l’Amleto rock di inizio stagione e Il Re di Betajnova affidato ad un professionista del cinema horror, febbraio porterà al teatro di via Petronio una produzione veramente inedita anche per il genere affrontato, ovvero il musical off Broadway The last five years di Jason Robert Brown.
Produrre un musical, seppure in versione da camera, è un’avventura nuova per il TSS che nella sua storia ha collaborato diverse volte alla realizzazione di spettacoli di teatro musicale, ma mai in un musical americano.
Lo spettacolo è stato realizzato in coproduzione con il centro musicale sloveno Glasbena matica e il Teatro nazionale di Nova GoricaThe last five years è una storia d’amore raccontata in modo inconsueto, che prevede due prospettive temporali opposte: il racconto di lui, lo scrittore Jamie, si svolge secondo la cronologia tradizionale, quello di Cathy, una giovane attrice di musical, arrivata a New York dalla provincia, ha un andamento inverso.
L’incontro, il matrimonio, la separazione sono le tre tappe vissute prima della stesura del libretto anche dall’autore Brown, che ha scritto questo musical dopo la separazione dalla moglie.
La prima è andata in scena a Chicago nel 2001, seguita l’anno dopo dal debutto a Broadway.
Inizia così la storia del successo internazionale del pluripremiato musical per due cantanti-attori e un gruppo strumentale, che ha fatto il giro del mondo e nel 2015 è diventato anche un film.
Al Teatro Stabile Sloveno verrà messo in scena con i sovratitoli in italiano e nella traduzione slovena di Janez Usenik, una novità assoluta che conquisterà anche grazie alla regia di Jasmin Kovic, artista goriziana dalle esperienze televisive e cinematografiche, alla quale la particolarità di questo musical (che non punta su un impatto visivo spettacolare o su coreografie di massa) ha permesso di concentrarsi sull’intimismo del racconto di un amore.
Si parla dell’ascesa di un giovane scrittore di successo e di una donna che aspira a diventare un’apprezzata attrice: le ambizioni di entrambi, in particolar modo i successi di lui e le loro conseguenze, non aiutano però questo rapporto, che termina dopo cinque anni.
»Questa non è una storia d’amore che poteva essere narrata dai grandi poeti passato. (…) Ma è la storia di un amore vero, per quanto l’amore possa esserlo, un amore fragile, insicuro e vulnerabile. Ed è una storia d’amore infinitamente bella, come possono esserlo solo le storie semplici.« – scrive a proposito del libretto il traduttore Usenik, che aggiunge: «Solo chi ha vissuto un amore simile può dare alla musica tanto sentimento: nei momenti in cui il violino piange per i troppi ricordi, in cui la chitarra lascia passare attraverso le proprie corde tutta la rabbia di un cuore spezzato e il basso abbraccia l’impotenza di un’anima divisa in due che sta perdendo la propria metà, emerge tutto il talento del compositore.«
Nei ruoli dei protagonisti reciteranno e canteranno due attori dall’indubbio talento musicale, i triestini Danijel Malalan e Patrizia Jurinčič, e arriva da Trieste anche la direttrice musicale del progetto, la polistrumentista Andrejka Možina, che coordina anche il gruppo strumentale sul palco, formato da Sebastiano Frattini, Irene Ferro-Casagrande, Andrejka Možina, Matteo Bognolo, Luca Emanuele Amatruda e Mariano Bulligan. Scene e costumi sono della giovane Giulia Bellè.
La prima in abbonamento andrà in scena venerdì 8 febbraio alle 20.30 al Ridotto del Kulturni dom di Trieste, con anteprima per giornalisti e ospiti giovedì 7 febbraio alla stessa ora. Le repliche triestine seguiranno fino al 24 febbraio, mentre il 18 febbraio lo spettacolo sarà in tournée al Kulturni center Lojze Bratuž di Gorizia nell’ambito della stagione in abbonamento per Gorizia del TSS.
Per la replica in programma il giorno di San Valentino è prevista un’offerta speciale dedicata alle coppie, con due biglietti al prezzo di uno per festeggiare in modo originale il giorno degli innamorati. Tutti gli spettacoli saranno sovratitolati in italiano e per le repliche della domenica pomeriggio è previsto un servizio di autobus navetta gratuito in partenza da Sistiana, Muggia e Opicina.
Coproduttore: SLOVENSKO STALNO GLEDALIŠČE/ TEATRO STABILE SLOVENO , TEATRO NAZIONALE DI NOVA GORICA, GLASBENA MATICA
Regia: Jasmin Kovic
Con: Patrizia Jurinčič Finžgar – Cathy
Danijel Malalan – Jamie

Traduzione: Janez Usenik
Consulenza linguistica: Srečko Fišer
Direzione musicale: Andrejka Možina
Scene e costumi: Giulia Bellè
Musicisti: Sebastiano Frattini, Irene Ferro-Casagrande, Andrejka Možina, Matteo Bognolo, Luca Emanuele Amatruda, Mariano Bulligan
Scene realizzate nei laboratori del Teatro nazionale di Nova Gorica
Foto: Luca Quaia

TRIESTE – Un salto indietro nel tempo ci attende al Teatro Miela questa sera quando, a suon di ottima musica, ci troveremo nei club d’oltre oceano, quelli di diversi decenni fa, visti nei film americani che ci hanno fatto sognare, quelli delle piccole orchestrine guidate dai grandi maestri dello Swing.

Ray Gelato & The Giants ritornano a Trieste dove non si vedevano da un bel pezzo.
Il pubblico ha conservato degli ottimi ricordi dei loro passaggi in zona e questa volta l’occasione per divertirsi sarà ancora più ghiotta in quanto il ritorno in città rientra nel tour celebrativo del quarto di secolo di attività.

Indiscusso protagonista della scena, cantante e sassofonista, Ray Keith Irwin (questo il suo vero nome) che per l’occasione sarà accompagnato sul palco da una band di sei elementi, può vantare collaborazioni prestigiose, partecipazioni alle più rinomate rassegne del genere e richieste di esibizioni a ricevimenti e feste di personalità inglesi quasi come la regina Elisabetta o Sir Paul McCartney.
Ora però l’attesa è quasi finita, manca veramente poco, tutti pronti a scatenarsi nella magica atmosfera che solo “The Godfather of Swing” sa regalare? One, two and one two, three…

Cristiano Pellizzaro per Radio City Trieste

 

TRIESTE – Un sogno che prosegue già da 7 anni!
Un grazie di cuore a tutti quelli che ci ascoltano, che ci supportano e che interagiscono con noi anche tramite i social media, siete voi ad aiutarci a proseguire e a migliorare, e siamo pronti, anche quest’anno, ad accompagnarvi con la nostra musica e la nostra simpatia nelle vostre giornate.
Ancora grazie e ….. VIVA RADIO CITY TRIESTE!

Un augurio di cuore da tutti noi a TUTTI voi!

SABATO 1 DICEMBRE, ore 21.00, MASSIMO PRIVIERO presenta al TEATRO MIELA di Trieste il suo ultimo lavoro ALL’ITALIA con un concerto acustico, accompagnato dalla sua band, al cui interno trovano spazio anche due musicisti triestini, Fiodor Cicogna alla batteria e Alessandro Castorina al basso.
Aprirà la serata la cantautrice triestina MIRIAM BARUZZA accompagnata in acustico da alcuni musicisti del suo gruppo “ILLIRYA” ( Stefano Bembi: fisarmonica – Diego Vigini: chitarra – Mauro Berardi: percussioni)
VENERDI’ 30 NOVEMBRE, ore 18.30, incontro con l’artista presso SCUOLA DI MUSICA 55, Via Capitelli 3, Trieste – ingresso libero

RADIOCITYTRIESTE sarà partner unico ed ufficiale dell’evento

www.miela.it/massimo-priviero-livewww.priviero.com – illiryamusic@gmail.com

“ALL’ITALIA” È’ IL NUOVO DISCO di Massimo Priviero. “LA PIU’ BELLA VOCE DEL ROCK D’AUTORE IN ITALIA” (BUSCADERO), un vero e proprio concept album che omaggia storie e vite di Italiani di ieri e di oggi.
Un album che celebra la forza, il coraggio e il cambiamento di vita dei protagonisti di queste storie, lontano dalla scontata e stanca retorica degli Italiani di ieri partiti più o meno con la valigia di cartone e da discussioni o polemiche.
Parla anche di Italiani di oggi, partiti ed in partenza, per poche opportunità o per scelta di vita. Italiani e contemporaneamente cittadini del Mondo, di cui siamo nipoti, figli, fratelli e sorelle e di cui oggi siamo sovente padri e madri.
In “All’Italia” Priviero fotografa storie scandite lungo la nostra strada comune dal Novecento fino ai giorni nostri. Un viaggio italiano vissuto fino in fondo, a volte con commozione ed altre con dolcezza, attraverso linguaggi ed approcci musicali diversi che tuttavia conservano una precisa ed uniforme sonorità acustica a sostegno di un’importante cifra letteraria.
Si partirà da un pezzo d’Italia per dipanarsi in altri angoli di mondo o del nostro stesso paese e si conserverà sempre il tratto che accomuna tutte le storie che è nel grande amore verso gente sentita più cara proprio quando decide di mettere in gioco la propria esistenza. Cambiamento dunque. Con forza e con coraggio. Canzoni con dentro una speciale epica di fondo, che scavano tra ieri e oggi.
Nato all’inizio dei ’60 sul litorale veneziano, MASSIMO PRIVIERO vive e cresce a Jesolo.
Da adolescente fonda band di rock, di folk e di blues. Ama Dylan, Young e Springsteen e talvolta condisce i vagabondaggi giovanili in città d’Europa con veri e propri show da busker.
In questi anni nascono le prime canzoni in cerca di quella fusione tra rock d’autore e poesia che in seguito caratterizzerà la sua produzione.
Trasferitosi a Milano dopo aver firmato per Warner Music, alla fine del 1988 pubblica con successo l’esordio di “San Valentino”.
Nel 1990 esce “Nessuna Resa Mai”, album magico la cui titletrack diventa una sorta di manifesto esistenziale e che viene pubblicato in numerosi paesi europei avvalendosi della prestigiosa produzione di “Little” Steven Van Zandt, leggendario chitarrista e coproduttore dei grandi album di Springsteen.
Nei successivi trent’anni di carriera sino ad oggi Priviero pubblica numerosi album, sino all’ultimo “All’Italia”.
E’ stato spesso impegnato  su vari fronti “sociali”. L’impegno nella scrittura, nella musica e nella vita lo conducono, sovente, a schierarsi e a spendersi con la parte debole del mondo, con brani carichi di impegno civile, di poesia unita alla forza e all’energia vocale.

“Credo che la cosa che la gente che mi segue avverta di più in quel che faccio è che quel che scrivo e suono è allo stesso modo quel che sono… e che la mia  “libertà senza compromessi” riesce spesso a tradursi in forza da dare a loro… puoi chiamarlo sangue, sudore, lacrime o sorrisi… oppure umana resistenza che diventa musica d’autore e a volte poesia… ma sono alla fine un’unica emozione… “ M. Priviero

Il Teatro Rossetti di Trieste ha il piacere di iniziare la stagione dei grandi concerti proponendo lo spettacolo del cantautore napoletano Edoardo Bennato che sceglie di partire dalla nostra città con questa nuova avventura live che lo vedrà poi proseguire per ulteriori quattordici date in programma nei più rinomati teatri del nostro paese.
Dopo una breve pausa a seguito della conclusione del tour estivo, Bennato ritorna con Pinocchio & Company 2018, uno spettacolo chiaramente ispirato al più famoso burattino di sempre e al quale ha legato buona parte del suo successo, proponendo live ovviamente anche altri successi della sua rispettabile carriera.
Inizio previsto alle ore 21.00 di martedì 6 novembre per uno spettacolo particolare che riscatterà la lunga assenza da Trieste dell’artista partenopeo. Lo show messo a punto per questo nuovo tour prevede di andare ben oltre a quello che potrebbe essere un semplice concerto. Quanto andrà in scena sarà una vera esperienza emozionale dove ci saranno musica e video per un completo coinvolgimento del pubblico, e questo per confermare ulteriormente la creatività di Edoardo Bennato la cui carriera è iniziata nel 1973 con Non farti cadere le braccia e proseguita con venti dischi in studio fino all’ultimo Burattino senza fili 2017 che rivisitava i famosi successi nel quarantennale della prima pubblicazione.

Cristiano Pellizzaro per RadioCityTrieste