Archivi per categoria: RECENSIONI

TRIESTE – La curiosità era già tanta dallo scorso dicembre quando il concerto era stato annunciato poi, quando è partito il tour, recensioni e commenti on line ne parlavano in modo davvero soddisfacente.
Lo ammetto, dopo i primi video che sono circolati in rete, mi sono lanciato a vedere cosa David Byrne ci avrebbe servito per questa sua nuova avventura.
Una bestemmia per molti questo modo di soddisfare la mia curiosità, così come il poter scoprire in anticipo i brani suonati nei concerti già eseguiti consultando le scalette on line. Ma questi sono pregi e difetti della rete.
Da allora, ogni giorno la voglia di partecipare al concerto è cresciuta, anche se sapevo cosa avrei trovato in quella umida serata di luglio, ma l’entusiasmo non è venuto meno.
David Byrne è un artista a 360°, oltre che musicista è anche scrittore ed espositore. Forse non ci si ricorda della collaborazione con Ryuiki Sakamoto per la realizzazione della colonna sonora de L’Ultimo Imperatore di Bertolucci, e molti non sanno che ha scritto diversi libri (cito Diari della bicicletta e il saggio Come funziona la musica), inoltre non tutti sono a conoscenza che nel 1998 presentò lui stesso a Trieste la mostra Your Action World, da lui stesso realizzata ed esposta al museo Revoltella.
Quell’installazione esponeva, tra le altre cose, dei manichini che trovavamo riportati anche sulla copertina del disco Feelings del 1997 e, in occasione di questo concerto in Piazza Unità d’Italia, un rivenditore locale di arredi artistici, ha voluto rendere omaggio all’artista esponendo in vetrina due stampe che riproducevano un paio di questi soggetti.
Per il tour di Feelings, Byrne fece tappa in Regione per la prima volta con un concerto in Friuli per la rassegna Folkest. Poi ritornò una seconda volta nel 2009 a Grado per il festival Ospiti d’autore, per quello che era il tour Songs of David Byrne e Brian Eno (l’anno prima i due avevano pubblicato Everything that happens will happen today, dopo la prima collaborazione di My life in the bush of ghosts del 1981). Questa volta invece il disco si chiama American Utopia ed è stato pubblicato nel marzo di quest’anno.
Dal disco, per questo tour, verranno estratti sette brani, mente per gli altri si andrà a pescare anche dalla discografia dei Talking Heads.
Spettacolo, e che spettacolo, sabato 21 luglio a Trieste.
L’ultima delle tre date che hanno portato la città alla ribalta internazionale con la rassegna Live in Trieste, organizzata da Zenit srl e Azalea Promotion, in collaborazione con il Comune di Trieste e la Regione Friuli Venezia-Giulia, che hanno saputo scegliere sapientemente tre assi da calare in meno di una settimana.
Dopo Iron Maiden e Steven Tyler ecco un ulteriore spettacolo musicale ma un pò insolito, che offre assieme teatro, musica, ritmica e coreografie, su di un palco allestito in modo del tutto diverso rispetto a quanto siamo abituati.
Un semi perimetro composto da un muro di fitte e fini catene separa la scena dal backstage. Le luci dei palazzi della piazza svelano alla vista le sagome degli artisti, che tra poco appariranno, passando proprio attraverso le catene come fossero una tenda.
I dodici angeli dell’arte, scalzi, che per novanta minuti rapiranno il pubblico, indossano tutti un elegante completo grigio.
Oltre a Byrne sul palco ci sono anche due coristi, un bassista, una chitarrista, un tastierista e sei percussionisti. Tutti, nessuno escluso, con strumenti e microfoni wireless per permettere loro di muoversi e disporsi sul palco in totale libertà e dare forma alle coreografie studiate per ogni brano, rendendo così questo show concettuale più che un concerto, una rappresentazione per stupire.
Byrne in prevalenza canta, suona poco durante il set, e in quelle rare occasioni imbraccia una chitarra bianca fornita da un braccio che spunta attraverso la tenda di catene, mentre i musicisti entrano ed escono di scena a seconda di cosa prevede il copione.
Da dietro alle catene, a seconda dell’illuminazione fornita dalle luci di scena, si riescono a scorgere nel backstage gli espositori delle innumerevoli percussioni usate dai sei fondamentali musicisti ritmici per i quali andrebbe fatto un discorso a parte. Precisi ed essenziali, coreografici e di supporto musicale l’uno dell’altro, che nel corso dello show cambiano svariate volte gli strumenti a seconda delle esigenze musicali.
Sembra di ascoltare un unico batterista quando si tratta di Pop Rock, ma diventano una batteria brasiliana con tanto di berimbau e cuìca, che perfettamente disegna incastri e produce stacchi di tradizione tropicale o di matrice Afro.
In questo fantastico ensemble troviamo Mauro Refosco, storico collaboratore (ultra ventennale) di Byrne (e non solo), percussionista completo e di eccellente formazione (perdonate le lusinghe, ammetto trattarsi di una debolezza dovuta a gusti percussivo-musicali).
I novanta minuti scorrono via veloci, c’è un solo bis composto da due brani e qualcuno spera in Psycho killer che purtroppo per questa volta rimane fuori dalla setlist.
Ma c’è ben poco da lamentarsi, e anche per la durata dello spettacolo, non sento alcuna osservazione al merito.
E ovvio, dopo uno spettacolo così, che cosa vuoi dire?

Cristiano Pellizzaro per RadioCityTrieste

Foto di Simone Di Luca

TRIESTE – Una “due giorni” che ha fatto di Trieste, e la sua splendida Piazza dell’Unità, il centro della musica rock perlomeno a livello europeo.
Zenit srl e Azalea Promotion, in collaborazione con il Comune di Trieste, hanno portato nella nostra città artisti che, alla faccia dell’età anagrafica, hanno incantato le migliaia di fans accorsi da ogni dove per gustare e vivere con il giusto spirito rock’n’roll dei concerti straordinari e, forse, difficilmente rivedibili.
Iron Maiden: quì le parole non basterebbero per descrivere la professionalità, esperienza, mestiere e divertimento che i “ragazzotti” inglesi riescono ancora a portare sul palco.
Probabilmente è corretta la definizione data da un fan al termine della loro performance: “La più grande live band del mondo, punto!”.
Tour, questo “Legacy of the beast”, che propone una scaletta con tutti i classici (a parte Wasted years) che i fan amano e “vivono”, specialmente nel pit, come non ci fosse un domani.
Ma vista la linfa vitale che ancora pervade tutti i membri della band, nessuno escluso, possiamo credere che un ipotetico farewell tour sia ancora lontano.
Trieste ultima data di questo tour estivo ma, nelle parole del frontman Bruce Dickinson e nel tweet della band, un ringraziamento e una “quasi” promessa: “Thank you, Trieste.. what an amazing place to have a show! Until next time!”
Steven Tyler: vero “animale” da palcoscenico, 70 anni e non sentirli, icona rock a livello planetario! Tutto questo, però, forse non basta a giustificare un ritardo sull’inizio della sua performance, che si è avvicinato all’ora. Da dire, a sua discolpa, che girano voci su dei problemi tecnici che hanno fatto slittare l’inizio dello show, anche con suo tangibile disappunto.
Al di là di questi problemi e di un paio di brani per “scaldare” la voce, lo spettacolo portato sul palco da Stefano Tallarico (ha scherzato pure lui sulla sua origine calabrese e sul suo nome) è stato coinvolgente, ricco di brani storici degli Aerosmith, ma anche di versioni “cover” di brani dei Beatles e Led Zeppelin (I’m down, Come together e Whole Lotta Love) o interpretati da miti del passato come Janis Joplin (Mercedes Benz e Piece of my heart).
Band non al suo (ancora altissimo) livello, specialmente sui brani ex-Aerosmith, ma con alcune individualità apprezzabili (batterista e armonicista in primis).
Due eventi che lasciano, quindi, un segnale molto positivo sia sulla potenzialità di Trieste come polo attrattivo per eventi legati al rock, con relative e non disprezzabili ricadute commerciali ed economiche sul territorio che, nuovamente, sul pregiudizio sbagliato che “il popolo del rock” sia formato da persone incivili, rissose, drogate e cattive. La riprova è stata data anche stavolta! Rock On!

Andrea “Mr. Rock” Sivini per Radio City Trieste

Foto Simone Di Luca

UDINE – Essere capaci di saper sfruttare al meglio le carte che ti sono state fornite e riuscir a creare qualcosa di veramente interessante.
Ne abbiamo avuto prova il 13 luglio al Castello di Udine con lo spettacolo di Cosmo (Marco Jacopo Bianchi all’anagrafe), dove è stato offerto uno show moderno rivolto al pubblico amante della scena Dance, per lo più composto da persone molto giovani.
Una pregevole serata organizzata da Vigna Pr e da Homepage Festival, andata in scena per l’omonima rassegna e alla quale hanno preso parte per l’apertura di questo evento anche la band locale gli Amari e i Santii.
Lo show di Cosmo, entrato a far parte nel circuito dei grossi eventi live, non ha nulla da invidiare ad altri suoi colleghi, e propone qualcosa che difficilmente si potrebbe dire possa essere prodotto nel nostro paese. Già più volte nella nostra Regione anni addietro assieme ai suoi Drink to me, Cosmo ritorna dopo il suo ultimo passaggio triestino del dicembre 2016, quando già faceva ballare e sballare.
Questa volta invece porta la sua carovana in Friuli dopo una nutrita serie di concerti e partecipazioni a notevoli eventi  come il concerto del Primo maggio che ne hanno confermato la qualità e amplificato la notorietà.
Nella musica e nei spettacoli di Cosmo è possibile ascoltare e trovare di tutto. L’udito gode di sonorità forse insolite per il pubblico di massa e che vengono ricercate tra quanto offerto già trent’anni fa, mischiato con quant’altro realizzato più di recente o che va di moda oggi.
L’allestimento del palco invece propone spettacoli conditi con potenti effetti luce degni di un ottimo rave, mentre on stage un set live realizzato assieme ai due percussionisti Mattia e Roberto riportano alla memoria quanto potevamo vedere negli show televisivi degli anni ’80 anche grazie al dress code scelto per andare in scena.
Qualcuno forse ha da ridire sul cantato in lingua italiana e sul suono della voce, ma secondo me la chiave di tutto sta proprio in questi due elementi, che s’incastrano perfettamente con il resto del prodotto e che vengono individuati soltanto in un secondo momento quanto il danno è già stato fatto e la sua musica ha già creato uno stato di strano ma piacevole compiacimento.
L’impianto diffonde musica sublime e limpida, la gente balla al ritmo della potente e arrogante cassa mentre sul palco si assiste all’offerta live delle produzioni sin qui realizzate e ad un set alla consolle che vede protagonista questa volta il solo Cosmo.
Chiusura ovviamente con L’ultima festa.
Serata davvero sorprendente. Uno dei migliori spettacoli in circolazione in questo momento.
E il nome dell’evento non poteva essere più azzeccato scegliendo appunto La festa in Castello.

Cristiano Pellizzaro per RadioCityTrieste

Foto di Fabrice Gallina

UDINE – E con questa siamo a sette, numero perfetto. Sto parlando di tutte le volte che i Simple Minds hanno suonato nella nostra Regione.
Tutte le provincie possono dire di averli ospitati almeno una volta. La prima risale al 1991 a Lignano allo Stadio Teghil con una replica quattro anni fa ma questa volta all’Arena Alpeadria, poi Trieste nel 1998 allo Stadio Grezar, Palasport di Pordenone nel 2003 e nel 2006, Grado nel 2012 per il tour 5×5 durante il quale presentavano cinque brani di maggior successo per i primi cinque dischi (in quell’occasione la tappa della cittadina della rivierasca registrò un sold out in prevendita), e quest’anno Udine al Castello per la prima volta come ha ricordato anche Jim Kerr dal palco salutando il pubblico ad inizio serata.
E così, come una partita a Risiko è stata messa una bandierina in ogni luogo, e speriamo ce ne siano delle altre.
A Giove Pluvio però sembra non andare giù il fatto che questi scozzesi suonino così spesso da noi, e così anche questa volta ha cercato di rovinare la festa mettendoci lo zampino. Dico questo perché l’ultima volta a Lignano nel 2014, un tremendo acquazzone sembrava voler gustare la serata, ma in quell’occasione lo storico vocalist tranquillizzò tutti dicendo che quella per loro era solamente acqua e suonarono il set intero come da programma.E così questa volta, a quattro anni di distanza, l’atavico dio che sembra aver un conto in sospeso con loro, si ripresenta puntuale con la sua pioggia anche nel capoluogo friulano.
Pensate sia riuscito nei suoi intenti? Mah chè sì, tutt’altro. Nulla ha fermato i Simple Minds e tanto meno il loro pubblico che mai ha accennato a mollare la presa.
Motivo ulteriore per fare festa e divertirsi ancor di più, confermando l’ottima organizzazione di Zenit srl che come sempre ha saputo scegliere un’ottima band per un luogo eccezionale, e la risposta da parte del pubblico ne è stata la conferma.
La data friulana in programma che si è svolta a Udine ricadeva nel tour di Walk between worlds, diciottesima fatica in studio (febbraio 2018), di Jim Kerr e Charlie Burchill (unici rimasti del nucleo originale) a celebrante anche il 40° anniversario della band, che sale sul palco alle 21.34 per due ore piene ed intense senza sosta e sotto la pioggia.
Sullo sfondo dodici pannelli luminosi a comporre uno schermo luminoso per spettacolari proiezioni colorate che riportano agli show televisivi degli anni ’80 (per non parlare delle tastiere a tracolla degnamente appartenenti a quegli anni lì ed erano anni che non se ne vedevano in giro), e davanti, assieme ai due storici membri originari, sul palco salgono altri cinque elementi della band con una notevole quanto insolita elevata quota rosa data la presenza di tre ottime musiciste alle tastiere, alla batteria e ai cori.
Diciotto i brani in scaletta (numero che ritorna in ballo, sarà un caso?), un’attenta selezione del meglio della loro carriera.
Si apre con The signal of the noise tratta da questo nuovo lavoro che li sta portando in tour (altri brani dello stesso disco saranno in ordine di esecuzione Sense of discovery, e Walk between worlds che dà il nome al disco), Mandela day (da Street fighting years del 1989), She is a river (da Good news from the next world del 1995), e uno dei pezzi immancabili come Someone somewhere in summertime del 1982 da New Gold Dream, e questo solo per citarne alcuni.
Chiusura da fuochi d’artificio con l’esecuzione filata di New Gold Dream, Don’t you (forget about me), Alive and kicking e Sanctify yourself.
Saluti finali sotto una battente pioggia…di entusiasmo del pubblico.

Cristiano Pellizzaro per RadioCityTrieste

Foto di Simone Di Luca

SESTO AL REGHENA (PN) – Non era mica scontato che i Mogwai potessero suonare dalle nostre parti.
Ci vorrà un bel po’ di tempo per poterli rivedere in zona se mai accadrà di nuovo. Chi non ha colto l’occasione per questo concerto di Sesto al Reghena, ha davvero sciupato una buona occasione.
Bisogna stare attenti al programma che offre il Sexto‘Nplugged (Associazione Culturale Sexto), ogni anno diverso e ogni anno con nomi interessanti.
Ininterrottamente, per un centinaio di minuti circa, il Piazzale del Castello si è riempito di manti musicali alternati a solide muraglie sonore dove cozzare improvvisamente dopo che i primi evocavano lontani e delicati paesaggi autunnali riscaldati da un tiepido sole basso.
Tutto questo succedeva lunedì 9 luglio ad opera degli scozzesi Mogwai, uno dei nomi più rappresentativi e longevi della scena Post Rock.
Stiamo parlando di una delle prime band che possono venir in mente quando si tira in ballo questo argomento e sicuramente tra quelli a cui è doveroso riconoscere il merito di aver sdoganato questo genere.

Non per nulla trovano spazio pure loro nel libro Post Rock e oltre, introduzione alle musiche del 2000 (aut. Cilia e Bianchi, ed. Giunti), un interessante libro dedicato a questo genere e che in quasi due centinaia di pagine riassume e incuriosisce per questo mondo musicale.
Tredici i brani previsti in scaletta, compreso l’encore. Una selezione di quanto prodotto in ventitré anni di attività durante i quali sono stati realizzati due live, ben quattro colonne sonore e dieci dischi in studio, tra i quali l’ultimo Every country’s sun del settembre 2017 e dal quale sono state eseguite alcune tracce durante la serata.
La nebbiosa atmosfera creatasi sul palco e spinta dalle luci tra il pubblico che cercava di ricomporsi, alla fine stentava a dissolversi.
L’impianto aveva smesso di rombare ma le orecchie fischiavano e i corpi vibravano ancora.
Cristiano Pellizzaro per RadioCityTrieste           Foto di Davide Carrer

PORDENONE – E’ stata la serata che in questa stagione musicale non poteva assolutamente mancare. Un quadro perfetto sin dal luogo che ha ospitato i concerti, il Parco San Valentino di Pordenone, una piacevole oasi verde urbana che ha dato la marcia in più a tutto il contesto.
Partiamo dal principio però, dalla base, dalla manifestazione del Pordenone Blues Festival quest’anno giunto alla XXVII edizione confermandosi come evento solido e ben organizzato. Quest’anno nuovamente per diversi giorni consecutivi la città si è immersa nello spirito dei grandi eventi accogliendo oltre che numerosi spettatori anche moltissimi partecipanti attivi ai vari eventi collaterali.
Ci sono state proiezioni, contest, musicisti di strada ovvero i buskers provenienti da ogni dove, e incontri vario genere. Blues, musica e divertimento non sono mancati e i grossi concerti del parco hanno chiuso le serate proprio come le grandi manifestazioni devono fare.
Ecco quindi che si accendono i riflettori del palco per le stelle del cartellone ricco anche questa volta per mantenere alta la qualità delle passate edizioni.
La calda voce di Anastacia ha aperto le danze giovedì 5 luglio mentre il giorno successivo due esclusive nazionali dei Dr. Feelgood e Glenn Hughes hanno mantenuto calda l’atmosfera.
Chiusura con il botto sabato 7 luglio con tre nomi di tutto rispetto per un numeroso pubblico che ha preso posto con largo anticipo per non perdersi nulla.Il primo a salire sul palco è stato uno stagionato ma non per questo ammuffito Watermelon Slim. Un set di blues grezzo, rurale. Un viaggio alle radici del genere dove tutto è ridotto all’osso. Poche cose ma essenziali per questo bluesman vecchio stile che solamente con armonica, oppure slide guitar, e ovviamente voce ha condotto il pubblico in un fantastico viaggio negli States che ci immaginiamo ogni volta che le note di questo genere iniziano ad insediarsi nelle nostre orecchie. Il pubblico apprezza, si gode lo spettacolo seduto nel prato e tiene il ritmo con mani o piedi. È impossibile trattenersi.
Un necessario cambio palco prepara la strada alla seconda stella, ovvero Lee Fields & The Expressions per Soul di classe come solo i grandi possono permettersi.
Introduzione strumentale di rito come richiede il genere e si fa spazio al Soul man di questa sera. Un’orchestra di uomini bianchi vestiti con eleganti abiti scuri e un uomo di colore dalla voce calda, vestito in abito bianco. Che spettacolo, per occhi e per orecchie. Per non parlare del cuore, avvolto nel calore della performance.
La sera sta calando su di noi, gli alberi aiutano ad anticipare un poco il buio e le stage light invadono il palco facendo decollare lo spettacolare set. La gente è carica al punto giusto, l’atmosfera è di quelle che non provavo da tempo, ed è ora degli headliner.
Salgono sul palco i Level 42, britannici di passaggio in Italia per l’unica data. Mark King (basso e voce) e Mike Lindup (tastiere e voce), sono gli unici membri rimasti da quel 1979 quando si sono formati.
Ora nella band oltre ad un esplosivo batterista e tre super fiatisti, troviamo anche Nathan King, ottimo chitarrista fratello del fondatore Mark, nella band dal 2001.
Inutile dire che i brani più attesi sono le hit degli anni ’80 che li hanno resi famosi, quindi ecco Running in the family suonata subito come terzo brano di set list, Something about you e Lessons in love verso la fine. Ma i Level 42 sono anche molto altro, in primis ottima musica suonata in modo eccellente e il pubblico lo sa e non si perde un colpo per tutto il set.
Alla fine tra la gente sento solo commenti entusiasti e sguardi appagati.

Cristiano Pellizzaro per RadioCityTrieste

www.pordenonebluesfestival.it

Promopressagency www.danielemignardi.it

CAPODISTRIA – Onestamente non mi è facile iniziare a scrivere qualcosa di questa serata. Provo ancora una piacevole sensazione per la quale ogni parola che mi passa per la testa mi sembra banale, scontata o poco adatta. Pubblico, organizzazione, location, band principale e supporter si sono fusi alla perfezione creando una situazione perfetta e degna di venire definita un evento.
Assistere ad un concerto dei Gogol Bordello é un’esperienza completa che va ad appagare non solo una necessità musicale, ed è proprio per questo motivo che vederli live è sempre un piacere soprattutto se si tratta della prima volta
Questo perché proprio sul palco danno il meglio di loro aggiungendo altri esplosivi elementi che nella sola registrazione di un disco non è possibile includere.
Per il passaggio capodistriano si parte ben dopo l’orario stabilito, quando la sera è già calata da un bel po’ e dopo che gli ottimi Maika, band serbo-croata di apertura, hanno saputo riscaldare il pubblico a dovere.
Ecco quindi che si comincia per quelle che saranno due ore mezza di scorribande musicali in diversi generi ad opera di questo equipaggio di pirati il cui capitano è l’istrionica figura di Eugene Hütz con i suoi baffoni e l’inseparabile bottiglia di vino rosso che ad ogni concerto lo disseta. I brani che compongono la scaletta vengono estratti dai sette dischi realizzati dal 1999 ad oggi.I cavalli di battaglia come Alcohol, Not a crime e Pala tute (in chiusura di serata) si alternano con i brani Break into your higher self scelta per l’apertura e Saboteur Blues (tanto per citarne alcuni) del recente Seekers and finders del 2017, che da il nome a questo tour, mentre sul palco si assiste all’ennesima entusiasmante replica teatral-musicale-cabarettistica dei Gogol Bordello.
Balli sfrenati e continui crowd surfing sono le risposte del folto pubblico che,  vista la location strategica del concerto, è arrivato anche da Italia e Croazia per poter assistere a questa serata di Gypsy Punk, termine questo che riassume non solo la musica della band, dato l’interesse che essa nutre verso l’Est europeo, ma anche per le varie provenienze e nazionalità dei componenti, a partire da Hütz, ucraino emigrato negli USA, ma passato per diversi paesi e luoghi (mi torna in mente il film documentario realizzato sul suo conto, The pied piper of Hützovina di Pavla Fleischer del 2007).
Forse sono rimasti fuori dalla scaletta alcuni brani che in molti si aspettavano, ma è inutile pretendere oltre quanto già avuto da questa serata curata in modo eccellente dall’ottima e accogliente organizzazione di Koda Events e VignaPr che hanno saputo scegliere una bella piazza che, grazie al suo contesto storico e architettonico, ha esaltato lo spettacolo.

Cristiano Pellizzaro per RadioCityTrieste

Credit immagini Koda Events/VignaPR

GORIZIA – La stessa domanda che già si era fatta spazio nei miei pensieri dopo un primo ascolto del disco, ha continuato ad insistere anche durante il concerto. Dove si era nascosta per tutto questo tempo Paola Rossato? Perché solo adesso ci regala questa piacevole perla di parole e musica?
Il disco d’esordio di questa cantautrice goriziana è come un cofanetto dei segreti personali che tutti noi possediamo e all’interno del quale custodiamo gelosamente desideri, sogni, pensieri, sentimenti e ricordi.
Un autentico scrigno della vita che pochi di noi però decidono di aprire e rivelarne il contenuto agli altri perché sanno già che si sentirebbero senza veli addosso.
Paola Rossato invece no, questo non vale per lei e con decisa maturità umana svela tutte le sue esperienze e lo fa con un bagaglio artistico notevole che funge da ottimo complice per questo suo debutto andato in scena al Kulturni Dom di Gorizia la sera di lunedì 14 maggio davanti ad una platea impaziente di poter finalmente assaporare dal vivo e in versione completa la suo opera prima dal titolo Facile, anche se per Paola raggiungere questo traguardo è stato tutt’altro che semplice.I tredici brani del disco raccolgono quanto provato sulla sua pelle a partire da Non Dormo, uno dei pezzi migliori, cronache comuni degli ambienti lavorativi dove tutti sono utili ma nessuno è indispensabile, condizione per cui lo stress non ti porta a dormire, oppure L’uomo delle parole, dedicata ai troppi ciarlatani della società che dietro fiumi di parole millantano possibilità infondate, e la simpatica Emmi (Gr.),  ironico pensiero sugli atti del corteggiamento, eseguita nel finale con il pubblico divertito ad ascoltare e guardare Paola a cantare tra il pubblico (…come i fighi… scherza lei in dialetto scendendo dal palco).
Questi sono solo alcuni degli esempi di queste esternazioni artistiche che sorprendono e di conseguenza piacciono per l’abbinamento delle melodie su cui vengono fatte scorrere le parole e la scelta delle musiche che le accompagnano, che variano dal classico stile del cantautorato (con voce e chitarra in primo piano) al Pop, dal Jazz da club a un lieve e raffinato Reggae.
Il tutto suonato con invidiabile feeling e maestria dai fidi musicisti Simone Serafini (basso elettrico e contrabbasso), Sergio Giangaspero (chitarre e cori), Ermes Ghirardini (batteria e percussioni), Gianpaolo Rinaldi (pianoforte e tastiere) e le piacevoli incursioni di Mirko Cisilino alla tromba e trombone.
Gran finale con bis di rito e un ringraziamento a tutti coloro che hanno reso possibile sia la realizzazione del disco che il concerto goriziano, con una menzione speciale per la madre Maria Medvešček, per certi versi produttrice del cd, e il fotografo Dean Zobec, curatore anche del sito e compagno dell’artista.
Vi consiglio di tenerla d’occhio. www.paolarossato.it

Cristiano Pellizzaro per Radio City Trieste
foto di Dean Zobec www.deanzobec.photo  

E così, per la prima volta, Alessandro Mannarino è passato per Trieste. Un evento atteso sia da fan, sia da artisti della scena musicale locale, che non è stato difficile individuare tra il pubblico nonostante la consistente affluenza. E non c’è neppure di che sorprendersi di tutto questo, dato che il protagonista della serata finalmente si è esibito in questa città che per troppo tempo è rimasta fuori dei suoi itinerari.
Ghiotta occasione quindi per tutti per poter assistere al concerto di una delle figure più interessanti tra i cantautori italiani attualmente sulla scena nazionale. Ma quanto tempo è passato dalle sue prima apparizioni e da quei primi passaggi in radio quando si faceva conoscere con Elisir d’Amor che purtroppo non è stata inclusa nella scaletta dei brani?
Forse la maturità artistica per Mannarino non è ancora arrivata, ma penso non sarà tanto distante. Ritengo sia solo questione di tempo, e l’ultimo lavoro Apriti Cielo dal quale sono stati suonati svariati brani durante la serata, e l’impostazione concettuale di questo tour L’Impero crollerà, ne sono la conferma.Durante le due ore intense di spettacolo Mannarino ha ripercorso la sua carriera e stregato il pubblico mediante le storie narranti di personaggi e situazioni che ben si sono incastonate con l’allestimento di scene e luci, ricreando situazioni e atmosfere assaporate con l’ascolto dei dischi e per questa occasione musicate da otto elementi presenti sul palcoscenico, tra i quali si sono potuti notare gli ottimi fiati (sassofoni e flauti) di Renato Vecchio, le belle percussioni di Daniele Leucci e la coinvolgente ed evocativa voce della brava Lavinia Mancusi, anche al violino e percussioni.
Il pubblico scalpita sia in platea che sugli spalti, non vede l’ora di potersi scatenare, e così sulle note di Animali, quando dal palco giunge l’invito ad alzarsi, la gente non si fa pregare e dà vita alla festa sino alla fine riempiendo la sala di ovazioni.
Non poteva andare meglio questo debutto regionale di Mannarino andato in scena al Teatro Politeama Rossetti di Trieste, organizzato assieme a Vivo Concerti e VignaPr. Una “prima” cittadina che ha lasciato il segno. E la sete di altri spettacoli di Mannarino si sta già facendo sentire.

 

di Cristiano Pellizzaro per Radio City Trieste

foto di Simone Di Luca

BMG_IJ_01Fa un certo effetto salire le scale del Teatro Rossetti circondati dal vociare dei bambini.
Non si è abituati a questo tipo di confusione che però in questa circostanza rende frizzante l’atmosfera. Entrati nella sala illuminata in modo crepuscolare con musica quasi abissale in sottofondo, l’attesa si fa ancora più eccitante e sembra di stare dentro ad una bizzarra attrazione da parco dei divertimenti, mentre i bambini con le loro voci continuano a fare i padroni della serata.
Loro sono in netta maggioranza, ci sono anche diverse scolaresche, ma lo spettacolo è adatto a tutti e scommetto che più di qualche insegnante ha scelto di seguire gli alunni come qualche genitore ha deciso di accompagnare il figlio pur di vedersi lo spettacolo.
La scenografia che si intravede sul palcoscenico riporta ad uno strano scenario metropolitano di quelli che tanto andavano di moda negli anni ’80, ma la resa dello spettacolo sarà tutt’altro che vecchia o datata.
I Blue Man Group stanno finalmente per colorare il Teatro Rossetti dopo aver già imbrattato mezzo mondo con la loro vivacità.
La città ne ha ricevuto un assaggio in anteprima nella giornata precedente a questo debutto cittadino quando i tre uomini blu hanno scorrazzato per il centro e invaso il palazzo del municipio seguiti da fotografi e scrutati in modo curioso e perplesso da chi non li conosceva. Ora è giunto il momento di alzare il sipario e presentarsi al pubblico italiano che mai ha visto prima questo spettacolo debuttato nel 1991 negli Stati Uniti.BMG_IJ_02Colorato, divertente, attuale, musicale, tecnologico, avvincente, imprevedibile, potremmo proseguire ancora per molto prima di fermarci con la lista dei termini e degli aggettivi che si potrebbero usare per descrivere ciò che i Blue Man Group portano in scena perché va oltre ogni sorta di previsione e regalano uno spettacolo unico con il coinvolgimento diretto del pubblico.
Simpatiche gag e mimiche sul palco non lasciano alcun dubbio per l’interpretazione delle scene, mentre una band di quattro ottimi musicisti indossa bizzarre tute colorate luminosamente per accompagnare non solo i vari siparietti ma gli stessi Blue Man quando si sfogano in performance percussive colorate con set di strumenti e vibrafoni realizzati con tubi di plastica.
E poi i colori in ogni forma possibile, luminosi, liquidi o creati da schermi che trasmettono filmati studiati per essere moderni come funzionanti touch screen di giganti smartphone con tanto di applicazioni.
Lo spettacolo è ben strutturato, studiato alla perfezione per stare al passo con i tempi e si muove grazie ad un ottimo staff di operatori nel back stage.
Non ci si annoia di certo per tutta la durata dello show soprattutto sul finire quando una vivace invasione di enormi palloni sulla platea, accompagnata da stelle filanti e musica, fa scollare dalle sedie i presenti, nessuno escluso.Alla fine, tutti sul palco giustamente, Blue Man, musicisti e addetti al dietro le quinte per un totale di quattordici persone.sdr
Poi, a luci accese nel foyer, foto di rito con tutti, anche con i quattro elementi della live band.
Hanno colto nel segno i Blue Man Group e tutti li salutano come fanno loro, con le braccia ferme, alzate e la mano bene aperta.
Un Blue Man Saluto per la prossima colorata visita da parte loro a Trieste.
Ottima scelta da parte dell’organizzazione Teatro Rossetti e Show Bees. Repliche sino a domenica 26 novembre.

Cristiano Pellizzaro per Radio City Trieste                     foto di Ivana Jurisevic