News dalla radio

UDINE – Gli anni ’90 per il Rock italiano sono stati davvero incredibili. Un’interminabile lista di band che spaziava in ogni direzione, aveva fatto sognare orde di giovani e non solo. Poi però qualcosa è andato storto e l’onda musicale si è infranta sugli scogli.
Tra i pochi sopravvissuti di quell’epoca, che oggi si contano sulle dita di una mano, ci sono i Marlene Kuntz ritornati in Regione, al castello di Udine, per la rassegna Udine Vola 2020 (l’ultimo appuntamento di questa edizione, previsto con Marco Masini, è stato posticipato a mercoledì 9 settembre).
Due sole le date quest’anno per la band piemontese (la seconda è prevista a Pistoia il 19 settembre), per un inaspettato set elettroacustico tutto da scoprire, presentato all’impaziente pubblico accorso anche da fuori Regione per vedere gli MK che, esattamente un anno fa, avrebbero dovuto suonare sempre qui, nello stesso luogo, ma che per problematiche legate alla salute di uno dei componenti, hanno dovuto rivedere tutto il loro calendario, dovendo annullare qualche data, compresa proprio quella del capoluogo friulano.
Sul palco il nucleo originale della band formato da Cristiano Godano, Luca Bergia e Riccardo Tesio, al cui fianco troviamo l’ormai collaudato Lagash al basso e il polistrumentista Davide Arneodo, per una scaletta che ha riservato più di qualche sorpresa.
E se mi posso permettere, per questa anomala stagione delle esibizioni live, va bene così,  quindi grazie all’ottima organizzazione di Azalea che ha dimostrato ancora una volta di saper gestire ogni tipo di situazione, proponendo sempre spettacoli di elevata qualità. (altro…)

I Marlene Kuntz dal vivo a Udine nel piazzale del Castello per un imperdibile ed inedito set acustico.
L’evento organizzato da Azalea, e rientrante nella rassegna Udine Vola 2020 (per la medesima serie di appuntamenti in programma anche Marco Masini sabato 29 agosto), riporta in regione il Rock tricolore di qualità proposto dalla band piemontese che, avendo in programma per questa stagione solamente un’ulteriore data oltre a quella friulana, fa sì che questo appuntamento sia un’occasione ghiotta più che mai per poter assistere ad uno dei loro energici live.
Sulla piazza da oltre un quarto di secolo, e tra i pochi sopravvissuti della scena del Rock Alternativo italiano degli anni ‘90, i Marlene Kuntz hanno da sempre unito in maniera eccezionale le sonorità anglosassoni del Rock e la vena cantautorale, annoverando Cristiano Godano come una dei migliori autori del nostro paese.
Canzone dopo canzone sarà entusiasmante scoprire la scaletta della serata che i Marlene Kuntz proporranno andando a pescare nei dieci dischi da studio realizzati a partire da quel Catartirca del 1994, sino all’ultimo Lunga attesa del 2016.
Da sempre noti per le loro performance potenti in grado di scatenare una notevole dose di energia, i MK soddisferanno, anche in questa occasione, i loro fans che, per poterli vedere, arriveranno anche da fuori Regione per questo imperdibile set di venerdì 28 agosto con inizio alle ore 21.30.

Cristiano Pellizzaro per Radio City Trieste

© Simone Di Luca

PALMANOVA – Come si poteva prevedere alla fine della serata eravamo tutti in piedi a saltare e battere le mani sulle note di Una musica può fare ma, però, senza mai abbandonare il posto che ci era stato assegnato e che obbligatoriamente dovevamo mantenere.
Per tutto il concerto ci siamo trattenuti dall’esplodere di entusiasmo e divertimento a causa delle regole che purtroppo conosciamo fin troppo bene, ma confidiamo che prima o poi riusciremo a mandare a farsi friggere questo Covid19!
Ad ogni modo nessuno meglio di Max Gazzè poteva chiudere la XXIV edizione di Onde Mediterranee, rassegna che si congeda dal pubblico in modo elegante e raffinato con uno dei cantautori italiani più noti ed amati dei nostri giorni.
Dopo i saluti di inizio serata da parte di istituzioni e organizzazione, che hanno raccontato i disagi e la disperazione della scorsa primavera quando ancora gli spettacoli non erano nemmeno ipotizzabili , ecco aprirsi le danze con un’artista di supporto. Caterina Cropelli, in arte solamente Caterina, nota al pubblico televisivo per aver partecipato ad una delle recenti edizioni di X Factor, che ha il piacere di presentare al pubblico il suo omonimo disco di debutto, intrattenendo gli spettatori per una ventina di minuti circa eseguendo una manciata di brani tra cui anche Duemilacredici, brano da cui è stato estratto anche un videoclip.
Poi arriva il momento di Max Gazzè che, per questo tour, ha deciso di lasciare spazio in scaletta anche a brani che non erano mai stati eseguiti live prima d’ora come Gli anni senza un Dio (dal disco Contro un’onda del mare del 1996), oppure La cosa più importane, brano del 2010 eseguito in concerto solo in occasione del tour del disco Quindi?.
Ovviamente non sono mancati i brani famosi, quelli che conosciamo molto bene e che ci hanno fatto apprezzare la sua coraggiosa e sperimentale vena compositiva, con audaci sonorità retrò anni ’70 di tastiere, synth e moog, ed inaspettate incursioni di fiati e schitarrate in sottofondo. (altro…)

PALMANOVA – Ultimo appuntamento con la rassegna Onde Mediterranee che, giunta quest’anno alla sua XXIV edizione, porta ad esibirsi a Palmanova, per il gran finale, il noto cantautore romano Max Gazzè.
La serata di chiusura, prevista per domenica 9 agosto in Piazza Grande con inizio alle ore 21.30, è affidata ad un artista di grande richiamo, capace di ammaliare ogni sorta di pubblico mediante le sue canzoni, con il sound che da sempre lo ha contraddistinto.
Raffinato ed elegante Gazzè ritorna in Regione in quest’estate diversa dalle altre in fatto di eventi e grandi spettacoli, e quindi un plauso va all’ottima organizzazione di Euritmica che ha saputo soddisfare a dovere le esigenze del pubblico anche per gli appuntamenti di Estate di stelle, kermesse musicale che da alcuni anni propone colossi della musica nella bellissima piazza della città stellata.
Cantante, musicista e compositore, da quasi trent’anni Max Gazzè ha saputo cogliere l’attenzione dell’Italia intera non solamente con le sue produzioni ma anche con le collaborazioni con altri illustri colleghi, oltre che con le numerose partecipazioni al Festival di Sanremo.
Accompagnato per l’occasione dalla sua storica e fidata band composta da ottimi musicisti, Max Gazzè riproporrà il meglio del suo repertorio e quindi non mancheranno tutti quei “cavalli di battaglia” che ad ogni suo concerto fanno saltare, ballare e cantare.

Cristiano Pellizzaro per Radio City Trieste

GRADO – Ad essere sincero temevo che quest’estate non avremmo potuto assistere ad alcun concerto. Non appena terminata la forzata reclusione della scorsa primavera, i vari appuntamenti estivi messi già in programma dall’autunno dell’anno passato hanno iniziato a subire rinvii o peggio ancora annullamenti.
Fortunatamente però c’è chi è riuscito comunque a proporre spettacoli di livello e degni del grande pubblico. Situazione per nulla facile o scontata per un lavoro già complesso in situazioni normali e questa volta reso ancor di più articolato con tutte le normative anti virus da rispettare.
L’Associazione Culturale Euritimica è riuscita anche quest’anno a sbalordire il pubblico delle grande occasioni proponendo un rispettoso cartellone per la XXIV edizione di Onde Mediterranee (chiusura della rassegna domenica 9 agosto a Palmanova con Max Gazzè).
Dopo l’apertura affidata a Tosca con un interessante spettacolo di ricerca musicale, ecco un gradito ritorno, quello di Daniele Silvestri, artista romano che non ha affatto bisogno di presentazioni.
Classe 1968 il noto cantautore, attivo dal 1994, ha richiamato al Parco delle Rose di Grado un folto pubblico che ha segnato, come prevedibile,  il sold out nonostante le regole che sin dall’inizio si sapeva dovevano essere rispettate. (altro…)

Twitter