volume: 

clicca per la diretta

News dalla radio

TRIESTE – Cresce la “febbre rock” per l’atteso concerto dei THE DEAD DAISIES che si terrà nella splendida cornice del Castello di San Giusto, a Trieste.
L’evento, inserito nella sesta edizione di HOT IN THE CITY, festival musicale estivo, è prodotto da Good Vibrations Entertainment Srl in collaborazione con l’Associazione culturale Trieste is Rock e la co-organizzazione del Comune di Trieste.
Il combo musicale creato nel 2012 dal miliardario australiano David Lowy, attuale chitarrista della band, si presenterà nella nostra città con la formazione completata da Doug Aldrich (ex-Whitesnake, Dio, Burning Rain, Revolution Saints), Brian Tichy (ex-Whitesnake, Foreigner, Ozzy Osbourne, Billy Idol) e “the Voice of Rock” Glenn Hughes (ex-Deep Purple, Black Sabbath, Black Country Communion).
Con diversi cambi di componenti nel corso degli anni, le Margherite Morte hanno realizzato cinque album in studio (più un live ed un album di cover), mentre a brevissimo uscirà il nuovo lavoro anticipato dal singolo “Radiance” già presente in varie classifiche internazionali.
Brani orecchiabili e trascinanti abbinati all’esperienza ed alla maestria dei musicisti sul palco preannunciano uno spettacolo che sicuramente lascerà il segno.
Ad aprire la serata il virtuosissimo chitarrista triestino Arthur Falcone che con i suoi Stargazer darà il via ad una serata da ricordare per tutti gli appassionati di musica rock!
Appuntamento quindi al castello di San Giusto domenica 3 luglio con inizio alle ore 21.
Rock On!

Andrea “Mr. Rock” Sivini
per Radio City Trieste e Rock On radioshow

TRIESTE – In concomitanza con l’inizio della stagione estiva parte anche il nuovo palinsesto di RADIO CITY TRIESTE. Molte le conferme, qualche novità ma, come sempre, un’altissima qualità musicale e professionale in tutte le fasce d’ascolto sia del giorno che nelle ore notturne.

I link per ascoltare la radio, ma anche per seguire l’emissione in radiovisione su RADIO CITY TRIESTE TV, sono i seguenti:

Android App: Google Play —> https://tinyurl.com/54yvy27e
Apple App: App Store —> https://tinyurl.com/u9rbk86s
TuneIn Radio: http://bit.ly/2lyhHrX
Radio Garden App: https://bit.ly/2WZCdFp
Buon ascolto e buona visione!

TRIESTE – Era solo questione di tempo. Il momento di ritrovarsi, per riprendere in mano quanto avevamo lasciato in sospeso un anno e mezzo prima, finalmente è arrivato.
Non potevamo stare lontani dalle nostre attività ancora per molto. Intorpiditi dalla lunga pausa, pronti a rispolverare quanto dovuto interrompere senza sapere quando, in quali condizioni e, soprattutto, se mai avremmo potuto rimetterci al lavoro.
Nonostante conservassimo vecchi appunti scritti su carta e ci fossero anche delle registrazioni a venirci in soccorso, le idee ai primi incontri erano un po’ confuse.
Di polvere da rimuovere dai nostri ricordi ne avevamo parecchia e soprattutto la complicità delle poche prove a nostra disposizione hanno fatto sì che alle prime sessioni qualche animo ha tardato ad accendersi.
Spaziosi locali che di giorno ospitano un atelier di giovani artisti cittadini, al piano terra di una bella residenza d’epoca posta sul noto colle triestino, di sera diventano una suggestiva e confortevole sala prove per sette musicisti e un attore, pronti a smussare gli spigoli di un massiccio blocco di pietra e dare vita ad una creatura che, una volta presa forma, continuerà da sola il suo cammino fino alla maturazione finale.
Immersi tra tele di pittori, bozzetti, calchi e statue di scultori, scaffali pieni di libri e cataloghi, trovano posto anche microfoni, chitarre, amplificatori, percussioni varie ed una fisarmonica. Stiamo sempre parlando di attrezzatura artistica che, di conseguenza, ben si pone in mezzo a tutto il resto.
E così, chi su una sedia, chi su un vecchio divano o su uno sgabello, pregiandosi della sempre presente visita di Sam, uno splendido e mansueto Golden Retriver, in una piovosa serata di fine agosto, gli Illirya si ricompongono per iniziare a lavorare nuovamente ad Amica Carissima, uno spettacolo tematico con testi e musiche di Miriam Baruzza.Ma chi sono questi Illirya, chi si nasconde dietro al nome di un popolo che un tempo viveva in queste terre?
Per comprendere al meglio la loro storia dobbiamo fare un passo a ritroso di una dozzina d’anni circa, ovvero quando Miriam Baruzza e Alessandro Castorina, compagni nella vita e nella musica, decidono di musicare i testi da lei scritti, raccogliendo attorno a loro un nutrito gruppo di ottimi musicisti locali con l’intento di fondere cultura, tradizione e musica popolare della zona, scegliendo un nome importante come quello dell’ Illirya.
Nel corso del tempo questo nome ha assunto un significato ben più ampio ed il concetto di questa idea oramai matura, ha dato vita anche ad un’omonima associazione culturale che intende promuovere e far conoscere talenti e forme d’arte locali mediante incontri, mostre, concerti ed eventi culturali di ogni tipo. (FB Illiryamusic)
Dalle prime esibizioni, sino alla realizzazione del disco di debutto Nuvole di Passaggio (2019), diversi artisti si sono avvicendati in questo ensemble in cui attualmente, oltre ai già citati fondatori Miriam Baruzza (voce e autrice dei testi) ed Alessandro Castorina (basso elettrico), troviamo Diego Vigini (chitarra), Mauro Berardi (batteria), Stefano Bembi (fisarmonica), Massimo Leonzini (percussioni) e Cristiano Pellizzaro (percussioni aggiuntive).

Appositamente coinvolti, invece, per questa rappresentazione, l’attore teatrale Angelo Mammetti, la cantante Aisha Marin e lo scultore Max Solinas.Musica, poesia, recitazione e scultura hanno quindi convissuto per una sera sullo stesso palco, presentando al pubblico il caleidoscopico obbiettivo dell’associazione Illirya, oltre ad offrire con eleganza e raffinatezza presso al Teatro di San Giovanni di Trieste la prima assoluta di Amica Carissima, un viaggio attraverso musica, parole e forme nell’universo femminile.Un percorso che si sviluppa partendo da una semplice lettera scritta da un uomo ad una donna, per poi arrivare a contatto con quella forza ancestrale che da sempre dimora nella vita stessa e che attraverso il tempo arriva fino a noi.Tutto questo sino a scoprire la femminilità vista come fonte creativa e motore dell’esistenza, espressa attraverso i miti e gli archetipi, ma che nel corso dei secoli è stata spesso repressa e non riconosciuta nella sua importanza vitale. Quindi tutte le diverse figure, i diversi volti, sposa, dea, guerriera, guaritrice, strega, madre e figlia, descritte attraverso il racconto poetico e le canzoni, fino ad arrivare ad un unico messaggio: “l’unione delle due forze più grandi dell’universo, il femminile ed il maschile, che insieme creano il tempo e lo spazio, sono destinate a danzare insieme per creare la Vita”.Archiviata la prova generale, e terminati gli innumerevoli preparativi, finalmente è arrivato il momento di andare in scena.In fondo alla sala il fonico Fiodor Cicogna e il tecnico luci Stefano Pincin stanno ultimando i settaggi ai loro mixer e registrando tutte le impostazioni.Sul palco, invece, la strumentazione degli Illirya è definitivamente disposta assieme alla postazione del narratore Mammetti.L’allestimento si completa con l’omaggio alla figura femminile, pocanzi descritta, mediante l’esposizione sulla scena di alcune sculture dell’artista veneto Max Solinas del Borgo di Cison di Valmarino.Quattro rappresentazioni della donna, secondo la sua prospettiva artistica, realizzate in legno e metallo, che lui stesso descrive così: “Non ho nomi particolari per le sculture, sono tutte Modelle. Modelle di vita, per stile e scelte mai così comode, per cui mai scontate. Il più delle volte contro corrente e contro alla moda e alla mondanità…proprio per questo libere e leggére. Sempre alla ricerca di qualcosa in più attraverso il togliere alla materia, alla materialità…alle chiacchiere senza contenuti. Modelle Silenziose”.
L’attesa è quasi finita, le porte si aprono ed il pubblico, già numeroso fuori dalla sala, inizia a prendere posto. Nel frattempo la tensione sale e l’impazienza di mettere in moto la giostra la fa da padrona.
Con alcuni minuti di ritardo finalmente le luci si spengono e Miriam Baruzza fa il suo ingresso in scena per i saluti di benvenuto ai partecipanti, per i ringraziamenti a tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione di Amica Carissima, e chiama sul palco, per una breve presentazione della serata, Il Geco di Radio City Trieste (emittente web partner dell’evento), e Max Solinas per una descrizione delle sue opere.
Ora si è pronti per iniziare. Silenzio e buio in sala creano l’atmosfera giusta. Aisha Marin apre lo spettacolo con un testo da lei scritto e recitato come saluto ad un amico recentemente scomparso.
Qualcosa però non va per il verso giusto e un inconveniente tecnico non permette il controllo dell’audio dal banco del mixer. Fiodor attraversa la sala di corsa fino a raggiungere le quinte in modo da avvisare i musicisti che a breve andranno in scena. Questa proprio non ci voleva.
Qualcuno sbuffa appoggiandosi sulla ringhiera nel retro palco, qualcun altro impreca volgendo lo sguardo verso l’alto. Non è possibile che tutte le fatiche e le energie spese si siano vanificate proprio adesso ad un passo dalla meta.
Fortunatamente però ci sono Fiodor e la sua professionalità che scongiurano il peggio in men che non si dica, senza che nessuno se ne accorga.
I musicisti prendono posto tra gli applausi del pubblico, l’ultimo ad entrare in scena, mentre le prime note già si diffondono in sala, è il narratore, l’attore Angelo Mammetti.

Kol Dodi, La dea, Maria Maddalena, La strega, Bora, Come rugiada, La lettera del soldato, Il tempo dell’uva e del miele, Tango e Signora della baia, sono i dieci brani previsti in scaletta per questa serata.
Chi scrive questa cronaca ha la fortuna di vivere la serata direttamente dal palcoscenico, suonando seduto in un angolo a ridosso delle quinte, a fianco della più imponente delle quattro sculture.
Posizione privilegiata la mia, dalla quale mi è possibile gustare quanto accade, tenere d’occhio la scena e godere in tutta tranquillità di questa magica serata scambiando, di tanto in tanto, qualche sguardo divertito con Alessandro Castorina.
Qualche metro più in là, davanti a noi, sprofondato sotto al palco, il pubblico è immerso nel buio e da qua sopra le luci, a malapena, mi lasciano intravedere le sagome di chi è seduto nelle prime file.
Con l’onirica ouverture Kol Dodi, le luci riscaldano la scena creando l’atmosfera giusta e fondendosi alla perfezione con la musica e l’allestimento presente sul palco.
La dea, mediante i suoi versi “attraversiamo insieme la notte/ad un nuovo mattino ti condurrò/vieni con me nel giardino della dea/porta con te gioia e lacrime”, accompagna l’ascoltatore verso il cuore dello spettacolo mentre Miriam omaggia uno ad uno i suoi musicisti con una danza rituale, nel modo in cui ogni cerimoniere che si rispetti saprebbe fare.
Perfettamente in linea con il set percussivo di Massimo Leonzini, alla mia sinistra, e a ridosso della batteria di Mauro Berardi, al mio fianco destro, posso osservare ogni minimo particolare.
Tra i drappi neri del sipario che dividono la scena con le quinte, ogni tanto vedo spuntare l’obbiettivo di una macchina fotografica. Con molta discrezione, e silenziosamente come un gatto, alle nostre spalle si aggira Fabiana Stranich, unico fotoreporter autorizzato dagli Illirya nonché autrice dei bellissimi scatti del concerto.
Di fronte a me, sotto i riflettori, i colori variano dal verde al rosso, dal giallo al blu durante tutto lo spettacolo in un crescendo di intensità e raggiungendo l’apice con Bora, arrogante stacco strumentale di chiara matrice Progressive anni 70.
Prima però il copione prevede l’esecuzione de La strega, brano il cui titolo lascia poco spazio alle interpretazioni, che in un crescendo incalzante, dopo un assolo di chitarra di Diego Vigini, vede la voce di Miriam Baruzza guidarlo verso la conclusione, per poi lasciare le redini alla fisarmonica di Stefano Bembi.
Il brano è in dirittura finale, c’è l’atmosfera giusta ed il pubblico è con il fiato sospeso.
Per la chiusura all’unisono, fisarmonica e batteria dovranno essere in linea e affinché ciò avvenga Stefano deve catturare l’attenzione di Mauro. Si gira, lo chiama a gran voce.
I due si guardano, c’è intesa, ed al resto degli Illirya non rimane che seguirli per chiudere, tutti assieme, in perfetto sincronismo.
La sala piomba nel buio e nel perfetto silenzio musicale, ed allora scatta, inevitabile, l’applauso del pubblico per un finale così perfetto.
Da questo momento Amica Carissima prenderà una direzione diversa, più umana, proseguendo il suo viaggio attraverso i sentimenti.Dall’amore materno de La lettera del soldato, missiva scritta da un figlio sul fronte di guerra, passando per l’amore tra uomo e donna con Tango, la cui esecuzione, ricca di pathos, prevede un cantato a due voci di Miriam e Mauro, che per l’occasione abbandona il seggiolino della sua batteria.
La chiusura spetta a Signora della baia, un’accattivante Bossa Nova, sulle cui note ci si prepara al congedo non prima però che Miriam Baruzza abbia generosamente presentato musicisti, collaboratori e ospiti.
Non ci sarà nessun bis, Amica carissima non lo prevede, o forse è più adeguato dire che un’encore sarebbe del tutto fuori luogo non essendo questo un semplice concerto, ma qualcosa di più.
Uno spettacolo articolato, concettuale, dove l’intreccio di diverse forme d’arte formano una figura sola, come spiegato all’inizio.
Musica finita e luci accese in sala quindi con applausi dalla platea e saluti per tutti dall’alto del palco, con gli artisti tutti presenti davanti ad un pubblico soddisfatto che ora scalpita per altre repliche.

di Cristiano Pellizzaro

foto di Cristiano Pellizzaro e Fabiana Stranich

Link utili

Mauro Berardi Un modo diverso di insegnare e imparare a suonare la batteria

Stefano Bembi Pagina FB attività artistica

Angelo Mammetti Pagina FB ; Sito somasinidisi.it ; Blog

Stefano Pincin (trasmissione Sarsicce & Guaranà ideata e condotta assieme a Marco Busan) FB e Spotify

Max Solinas Sito ufficiale

 

Video Illirya

Il Tempo dell’uva e del miele

Il bimbo e il pellegrino (Live al Teatro di San Giovanni di Trieste, 22 febbraio 2019)

 Figlia di (Live al Teatro di San Giovanni di Trieste, 22 febbraio 2019)

TRIESTE – C’era una volta a Torviscosa, sulla strada statale che conduce a Cervignano, il Bourbon Street, un locale che, all’epoca dei fatti, forse aveva già cambiato nome ed era diventato il Blu Pavone.
Sono trascorsi parecchi anni da allora, ma i ricordi di Franco sono ancora ben vivi e nitidi, tanto da permettergli di raccontare di un giovane cantautore, tale Vinicio Capossela.
Seduti al tavolo di un ristorante nei paraggi del teatro Rossetti, il mio amico, arrivato da Ronchi dei Legionari appositamente per il concerto, apre il cassetto dei ricordi, tira fuori questa storia dei primi anni ’90 ed inizia il suo racconto.
Bizzarro immaginare il cantautore non ancora famoso che, al pianoforte, suona per meno di un centinaio di spettatori seduti ai tavoli di una sala immersa nel fumo delle sigarette non ancora bandite, in un’atmosfera quasi onirica.
All’epoca le radio già mandavano in onda qualcosa di Capossela, ed è proprio così che Franco l’aveva ascoltato per la prima volta; ed aveva poi avuto la fortuna di assistere ad uno dei suoi primi concerti regionali, permettendosi anche il lusso di bere qualcosa assieme a lui a fine serata. (altro…)

TRIESTE – C’è un legame molto forte, qualcosa di veramente speciale che unisce Vinicio Capossela a Trieste, ed ogni occasione è buona per ritornare in questa città di mare.
Non c’è di che sorprendersi quindi, se il capoluogo giuliano rientra tra le poche e selezionate tappe di questo suo Round one thirty five 1990-2020. Personal standards, un personale omaggio rivolto al proprio debutto discografico, oramai trentennale, dal titolo All’una e trentacinque circa.
Una vera chicca per chi domenica 10 aprile (inizio alle ore 21.00) potrà assistere presso il Teatro Rossetti, a questa particolare esibizione, nella quale il cantautore sarà accompagnato da un ottimo trio di musicisti.
Organizzato da Vigna PR e And Productions (in collaborazione con il teatro stesso), lo spettacolo prevede in scaletta anche l’esecuzione di alcuni brani pubblicati nei successivi lavori degli anni ‘90.
Non si tratterà di un’operazione nostalgica, ma di una celebrazione delle origini, dove verranno riproposti brani della prima ora che per troppo tempo sono rimasti nel cassetto.
Lasciarsi sfuggire questo concerto sarebbe un vero peccato!

Cristiano Pellizzaro per Radio City Trieste

Twitter